24/09/12

Il tempo stravola.....

Immagine tratta dal web
Mannaggia, è passato già un mese.... e dove sono stata!!!!
Lavoro, lavoro, lavoro.... ma si può andare avanti così!!!
Ora uno pensa se si lavora tanto si guadagna tanto..... ma de che!!!!
Comunque lasciamo da parte questo argomento che proprio non è il caso di aprire questa parentesi...
Allora quante cose sono cambiate nel mondo del turismo?
Ben poco purtroppo.... o meglio ora siamo nel periodo del cambio cataloghi (c'è il passaggio dalla stagionalità estiva a quella invernale)..... quindi ancora nulla di nuovo di interessante che valga la pena di rilevare... ma devo ammettere che di cataloghi ne sono arrivati pochi per fare considerazioni... una cosa posso però dirla, sono composti sempre da un minor numero di pagine...
Nel settore del turismo, dove i costi sono elevati se si gestiscono strutture proprie e dove di anticipare soldi acquistando tante stanze in hotel non di proprietà  (gli operatori comprano le camere che pensano di vendere ma vendendo meno acquistano meno) proprio non è il caso, la crisi si sente e come ed uno dei modi per abbatterla risparmiare dove si può..... esito, cataloghi sempre più esili e sempre più on-line.
Ora è vero che ormai quasi tutti hanno un computer a casa, tuttavia c'è ancora tanta gente che adora leggere, sfogliare e guardare figure nei cataloghi  e il fatto di trovare solo cataloghi on line alla fine li fa dirottare su altre scelte più tangibili nella scelta delle vacanze.
Basti pensare che negli anni precedenti alcuni operatori avevano provato a fare solo cataloghi on line ma alla fine vendendo meno, sono ritornati alla vecchia carta stampata.
Però devo anche ammettere che c'è veramente tanto spreco sotto questo punto di vista.... ogni anno gli operatori pur di smaltire i loro magazzini e alla fine ti inviano, insieme ai cataloghi nuovi anche quelli della stagionalità precedente.... evidentemente è difficile quantificare l'effettiva quantità da stampare.... sopratutto quando il mercato è così strano....
E' si cari viaggiatori, i soldi sono sempre meno e anche i viaggi sono sempre più ridotti all'osso.... che peccato però, e non lo dico perché mio marito è un agente di viaggio, ma perché conoscere il mondo apre la mente ed è proprio un peccato non poter viaggiare....
Abbiate pazienza... tornerò più assiduamente lo prometto....
Un bacio a tutti....